Nonostante le varie circostanze avverse e le sfide del nostro tempo (guerre, disastri naturali, pandemie), il Natale e la risurrezione di Gesù ci danno speranza che tutte le cose brutte passino, anche se non sono compatibili con la nostra percezione della realtà. Questa fede salva i cristiani dalla disperazione, dall'ansia, dai pensieri negativi. Sappiamo per certo che supereremo tutto quando Gesù nascerà e risorgerà nei nostri cuori ogni volta.

Quest'anno molti eventi, sia religiosi che pubblici, sono stati cancellati o spostati online a causa dal coronavirus. Tuttavia, la mostra annuale dei presepi di tutto il mondo "100 presepi in Vaticano" si è aperta in Vaticano il 13 dicembre e durerà quasi un mese. La sua posizione annuale è stata leggermente modificata per evitare la folla. In contrasto con la consueta sede dell'evento (Sala Papa Pio X presso la sede del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione), sul territorio del colonnato di Piazza San Pietro sono stati collocati i presepi. All'evento partecipa un presepe ucraino della suora Teodosia Polotniuk dell'Eremo femminile della Santa Dormizione nel villaggio di Molteplicità dell'Esarcato di Donetsk della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina. Questo presepe è realizzato con materiali ecologici (cartone, carta, legno, muschio, argilla, sabbia, segatura, pietre). A proposito, la mostra dei presepi e il principale albero di Natale della città-stato hanno trasformato il Vaticano in un vero biglietto di Natale, anche se senza neve. La geografia dei presepi è variegata e si differenziano per abilità e idea: dai classici presepi della scuola napoletana del 700 ai semplici presepi realizzati da bambini delle scuole elementari o persone diversamente abili. L'idea di presentare il presepe ucraino è stata realizzata con l'assistenza del Vescovo UGCC Irynei Bilyk, canonico della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore, e del Sig. Serhiy Kulchytsky, Incaricato d'affari dell'Ucraina presso la Santa Sede. Molte persone di bene hanno aderito a questa iniziativa: coloro che hanno aiutato la suora con i materiali per la realizzazione del presepe; l'autista che, avendo saputo dove va il prodotto, si è rifiutato di prendere i soldi per il suo trasporto; e altro.

È noto che la suora-maestra nel dicembre 2009, con il sostegno della signora Maria Henda e del signor Ivanka Kushnir, ha acquistato una casa nel villaggio Mnogopillya nella regione di Donetsk nel territorio dell'Esarcato Donetsk-Kharkiv dell'UGCC, dove fondò l'Eremo femminile della Santa Dormizione. Lì iniziò a realizzare presepi. Nel 2014, quando iniziarono le ostilità, la sorella Theodosius fu costretta a lasciare Mnogopillya. Tuttavia, nel marzo 2015 è tornata a Donetsk e si è stabilita in un edificio incompiuto vicino alla cattedrale. Ha vissuto in questo edificio non finito per due anni e mezzo, e poi per un altro anno e mezzo nel seminterrato. Ciò ha influito sulla salute della suora. A causa di una malattia, ha dovuto lasciare il Donbass e da due anni prega e riceve cure mediche a Zarvanytsia e continua a fare la sua cosa preferita nella sua cella.
Le persone di Mnogopillya che hanno visto questo presepe dicono che ricorda loro il loro villaggio. "Volevamo trasmettere le nostre radici e tradizioni al Donbass, e ci siamo già riusciti, se non per la guerra ... Quando non si costruisce una chiesa, come spesso accade in Oriente, le persone possono essere evangelizzate attraverso il folklore e l'arte, perché il cristianesimo si riflette anche nella cultura. e la vita di tutti i giorni ", - dice la maestra.

L'opera natalizia si presenta come una grande cassa di legno, che rivela un vero presepe: la Sacra Famiglia, la nascita del Figlio di Dio nella stalla, una casa ucraina con ornamenti, un pozzo, uno stagno, i Carpazi e il cielo stellato della Patria. Ecco cosa dice l'autrice della sua idea: “C'è una casa ucraina davanti al presepe e un fienile dietro. Hanno una porta inclinata. Quindi volevo mostrare che le persone, sia allora che oggi, puliscono, decorano la casa, e Gesù spesso sta sullo sfondo, come nel presepe. Alcuni possono aprirgli la porta, perché pochi osano aprirgli completamente il cuore ... Molte persone me lo hanno chiesto, guardando il presepe, al quale ho risposto: sei sicuro che la Natività di Cristo sia al primo posto nella tua vita? La composizione del presepe ha un significato nascosto per far riflettere le persone sul posto di Cristo nella loro vita”.

Pertanto, in primo piano in questo lavoro è possibile riconoscere le foreste dei Carpazi ucraini nell'Ucraina occidentale e sullo sfondo il villaggio di Mnogopillya, che si trova nell'est del nostro paese. Il presepe è progettato per trasmettere lo spirito del Natale dall'est all'ovest dell'Ucraina e per familiarizzare con una parte della multiforme tavolozza della tradizione natalizia ucraina.

Suor Theodosia ricorda con piacere le serate di Natale che sono state organizzate nel villaggio di Donbas. Dice che il Natale ucraino è stato straordinario per la gente del posto, perché fino ad allora, infatti, non avevano visto presepi e tradizioni. "Abbiamo cavalcato con un canto natalizio, e questo villaggio di Mnogopillya era la sua testa di ponte. Allora era una terra fresca, non arata, e per la gente tutto ciò che accadde fu inaspettato. Abbiamo preparato la Santa Cena, sono venute diverse persone dai villaggi e dalle città vicine ... - ricorda. - Una vigilia di Natale, nel 2013, il preside di una scuola del villaggio ha permesso di mettere i banchi nell'atrio della scuola e di disporvi i piatti di Natale. Padre Roman Vovk, impiegato della Cattedrale dell'Intercessione della Beata Vergine della UGCC a Donetsk, venne da noi per benedire la nostra cena, per comunicare con le persone ".

La mostra dei presepi è stata aperta dall'Arcivescovo Reno Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, con la partecipazione del Vescovo Dionysi Lyakhovych, Esarca per i cattolici ucraini di rito bizantino residenti in Italia, e Serhiy Kulchytsky, Incaricato d'affari dell'Ucraina. La cerimonia è stata accompagnata da canti ucraini eseguiti dagli studenti della scuola domenicale della Basilica di Santa Sofia a Roma e dai seminaristi del Pontificio Collegio di San Giosafat.
La mostra durerà fino al 10 gennaio 2021. L'ingresso alla mostra è gratuito.

 

Ruslana Tkachenko per il dipartimento informazioni dell'UGCC

 

Tota Pulchra: Associazione per la promozione sociale

Sede Legale: via della Paglia 15 - Roma (RM)   —   C.F.: 97939900581

IBAN: IT11Q0623005031000040531966   —   Codice BIC: CRPPIT2P137

 

Tota Pulchra
Tota Pulchra News
Instagram
LinkedIn
Youtube